Bovaro del Bernese impiegato da un’agenzia funebre

Home/Posts/News/Bovaro del Bernese impiegato da un’agenzia funebre

Bovaro del Bernese impiegato da un’agenzia funebre

Che il cane sia un sostegno emotivo importante, capace di aiutarci nei momenti di depressione e sconforto, è ormai assodato. Ne è praticamente sicura Tori McKay, proprietaria dell’agenzia funebre di Franklin, nella Carolina del Nord, che ha assunto un Bovaro del Bernese affinchè recasse conforto e sostegno emotivo ai familiari che devono dare l’estremo saluto al proprio caro.

Mochi – questo il nome del piccolo “impiegato” – è entrato a far parte dello staff a Gennaio. Lo scopo, come dice la stessa Tori, è quello di farlo diventare a tutti gli effetti un membro del team che si occuperà di sostenere i clienti durante la loro permanenza nell’agenzia.

Tra tutte le razze la scelta è ricaduta sul bovaro per una convinzione della stessa Tori:

Il bovaro del bernese è un cane molto leale, affettuoso e gentile, ed è sempre stata la mia prima scelta per un cane da terapia del dolore

Ovviamente Mochi dovrà prima essere addestrato, ma per il momento ha già iniziato a familiarizzare con i luoghi e le persone, e sembra che la sua indole rispecchi appieno quanto auspicato dalla stessa Tori:

Ora il suo “lavoro” quotidiano è quello di socializzare. Già si è fatto amare da tutti. Poi, raggiunta l’età, andrà in un centro di addestramento di Asheville, dove potrà diplomarsi ed entrare ufficialmente in servizio come cane di supporto

Alcuni cani impiegati nel mondo

Mochi non è il primo cane che viene assunto al fine di dare conforto o sostegno.

Se gli Stati Uniti fanno scuola, ed abbiamo visto un cane (sempre un Bovaro del Bernese) assunto come concierge ad Aspen, oppure il cane sindaco in Minnesota, o il piccolo cane poliziotto Zorro dalle mansioni speciali, è altresì vero che anche in Italia siano sempre più frequenti le decisioni di utilizzare i cani per servizi di utilità e sostegno.

Ultimamente abbiamo parlato dei 3 Spaniel che lavorano in Ospedale alla ricerca di batteri, o della decisione dell’Ospedale Gaslini di accettare i cani in corsia, e siamo certi che questa tendenza non si fermerà.

Ma quali sono gli altri possibili impieghi?

E’ facile rispondere con “qualsiasi cosa” ma mi piacerebbe capire dalla vostra esperienza se (e dove) avete avuto a che fare con esempi simili e quale è stata la vostra esperienza.

Dove credete che potrebbero essere impiegato i cani per aiutarci? In che modo? Scrivetelo nei commenti!

Rating: 0

Scrivi la tua recensione

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Dichiaro che questa recensione è frutto della mia esperienza e che rappresenta la mia opinione autentica su questo servizio; dichiaro altresì di non avere relazioni personali o professionali con tale azienda e che non mi sono stati offerti incentivi o pagamenti per scrivere la presente recensione. Sono consapevole che Io e il mio cane attua una politica di tolleranza zero per le recensioni mendaci.

Per piacere, accetta il disclaimer per poter proseguire.