Calendario dei vaccini per cani: quando vanno fatti?

Home/Posts/News/Calendario dei vaccini per cani: quando vanno fatti?

Calendario dei vaccini per cani: quando vanno fatti?

Se vi state domandando se i cani abbiamo un calendario dei vaccini (il protocollo vaccinale) da seguire siete nel posto giusto!

Abbiamo già detto che:

  • esistono dei vaccini che sono obbligatori
  • di fianco a questi vaccini obbligatori ve ne sono altri facoltativi
  • l’unico a poter fare il vaccino è il veterinario
  • il costo medio varia tra i €30 ed i €50

Ma è anche vero che – specie quando si è alle prime esperienze – si voglia sapere meglio quando farli, a che cadenza e perchè.

I vaccini al cucciolo

Se avete preso il cucciolo da un allevamento certificato vi verrà dato non prima di 45 giorni (molti allevatori preferiscono darli dopo i 60 giorni), e con il pedigree ed il microchip il cane avrà anche già fatto almeno la prima vaccinazione.

Normalmente questo è il calendario che viene seguito (i giorni sono i giorni dalla nascita del cane):

  • 45 giorni: primo vaccino
  • 56 giorni: vaccino polivalente
  • 84 giorni: richiamo del polivalente

Una volta fatto questo è necessario fare un richiamo dopo 1 anno del polivalente.

Cosa si deve fare nel periodo dei vaccini?

E’ evidente che se stiamo seguendo un calendario dei vaccini è per salvaguardare la salute del cane, e di conseguenza fintanto che non è coperto non è il caso di metterlo a rischio inutilmente.

Quasi tutti vi diranno che – durante il periodo del vaccino – il cane non deve essere portato in strada. Ma perchè?

La ragione è semplice: prima di allora il cucciolo non è protetto da eventuali malattie infettive che potrebbe prendere da:

  • cani portatori
  • escrementi che le contengono

giusto per dirne un paio.

Ma è veramente così? se tutti i cani sono stati vaccinati perchè dovrebbe essere un problema?

Il problema è che non tutti i cani vengono vaccinati, e di conseguenza malattie che dovrebbero essere debellate sono ancora in giro

E’ evidente che possiamo ridurre le possibilità di contagio evitando quelle zone dove è più possibile che il cane le contragga – parlo ad esempio delle aree cani – lasciandolo invece camminare con noi per strada. In questo modo il cane avrà l’opportunità di abituarsi a suoni e odori differenti, e inizierà il suo percorso formativo.

Rating: 0

Scrivi la tua recensione

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Dichiaro che questa recensione è frutto della mia esperienza e che rappresenta la mia opinione autentica su questo servizio; dichiaro altresì di non avere relazioni personali o professionali con tale azienda e che non mi sono stati offerti incentivi o pagamenti per scrivere la presente recensione. Sono consapevole che Io e il mio cane attua una politica di tolleranza zero per le recensioni mendaci.

Per piacere, accetta il disclaimer per poter proseguire.