La femmina e il calore: come gestirla

Home/Posts/News/La femmina e il calore: come gestirla

La femmina e il calore: come gestirla

Abbiamo affrontato il tema del calore nel maschio; come gestirlo, cosa fare (e cosa evitare) di modo da ridurre al minimo i disagi. Ma come si gestisce la femmina in calore? E sprattutto: come si riconosce quando è realmente in calore?

Gestire il calore della femmina è possibile, ma dovete ricordare che non esistono date e tempi certi ma solo approssimativi!

Detto questo vediamo come si riconosce il calore, quanto dura e cosa si può fare per rendere la nostra convivenza più tranquilla (e senza arrivi indesiderati).

Il calore della femmina

Contrariamente a quel che si dice la femmina inizia generalmente il calore dopo i primi 6/7 mesi di vita. A secona della taglia questo termine si può ridurre o estendere. Tanto per fare un esempio, un cane di taglia piccola ha il prmo calore in anticipo rispetto ai 6 mesi, un cane di taglia grande raggiunge la maturità verso i 16 mesi).

Il calore dura mediamente 21 giorni, e si divide in:

Proestro: che è la fase preparatoria. In questo periodo la femmina si prepara e ha dei gonfiori nelle zone intime. Ha anche delle perdite di sangue (più o meno evidenti) che vi aiutano a “mettervi in allarme”.

Dal punto di vista comportamentale diventa più nervosa, e attira i maschi per mezzo del suo odore. Cosa importante: non è disposta ad accoppiarsi! In pratica il suo corpo attira solo i pretendenti per dire loro di tenersi pronti.

Estro: credo sia anche superfluo dirlo, ma questa è la fase di vera fertilità. In questo periodo la femmina è disposta ad accoppiarsi. Non ha più perdite ematiche ma resta ancora nervosa. Inoltre tende a spostare la coda di lato per favorire il maschio.

Il suo comportamento – così come il suo momento di fertilità – varia da un minimo di 3 giorni ad un massimo di 21, dopo i quali non è più propensa a far avvicinare i pretendenti.

Come gestire la femmina in calore?

Rispetto al maschio la femmina causa meno problemi in quanto non guaisce, non tenta di scappare ecc. poichè con il suo odore attira attorno a se quel che le serve.

Ma sono tutte rose e fiori? ovviamente no!

Una femmina in calore ha necessità di essere gestita, e lo si fa in maniera relativamente semplice:

  • Evitate i luoghi affollati (quindi niente parchi dove vanno lasciati liberi o passeggiate dove la presenza di altri cani è scontata)
  • Sospendete le attività di allenamento (che sia un corso di educazione, di agility o quel che volete portare una femmina in calore in un luogo affollato è una pessisma idea)
  • Non rischiate di farla allontanare (se siete abituati a girare senza guinzaglio nel periodo fertile farete bene a rispolverarlo, anche perchè è obbligatorio)
  • Non arrabbiatevi se sporca in giro (non ci piò fare nulla per cui tracce ematiche sono più che naturali)
  • Non costringetela a fare qualcosa che non vuole; se siete abituati a fare insieme alcune attività ma lei vi fa capire che non ha piacere assecondatela

Insomma: ci sono parecchie cose che dovrete fare, e tra queste potete anhe considerare le castrazione della vostra cagnolina.

Rating: 0

Scrivi la tua recensione

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Dichiaro che questa recensione è frutto della mia esperienza e che rappresenta la mia opinione autentica su questo servizio; dichiaro altresì di non avere relazioni personali o professionali con tale azienda e che non mi sono stati offerti incentivi o pagamenti per scrivere la presente recensione. Sono consapevole che Io e il mio cane attua una politica di tolleranza zero per le recensioni mendaci.

Per piacere, accetta il disclaimer per poter proseguire.

Loading cart ...