Arriva il freddo: scopri come salvaguardare il tuo cane

Home/Articoli/News/Arriva il freddo: scopri come salvaguardare il tuo cane

Arriva il freddo: scopri come salvaguardare il tuo cane

In questo periodo l’Italia è spazzata da venti particolarmente freddi. Le temperature stanno calando precipitosamente e sono parecchie le persone che fanno i conti con influenza, mal di gola e raffreddore.

I repentini cambi di temperatura (come quelli tra la strada gelida e i locali iper-riscaldati) sono shock termici che il nostro corpo fatica a gestire, e spesso si tramutano in malessere. Ma come vanno gestiti i cani in questo periodo? Sono anche loro soggetti agli stessi problemi?

Se ricordate abbiamo già parlato dell’uso dei cappottini, ma qui vogliamo affrontare il problema per la gestione del freddo, indipendentemente dalla razza, e viste le previsioni mai momento fu più adatto.

I cani che dormono fuori

Sono in molti ad avere un giardino e lasciare che il cane vi dorma, ovviamente munito di cuccia.

Purtroppo in questo periodo di freddo particolarmente intenso la semplice cuccia potrebbe non bastare. Cosa fare allora? La cosa più semplice sarebbe quella di permettere al cane di dormire in casa, ma ovviamente non per tutti è possibile.

La soluzione allora è quella di coibentare la cuccia, di fornirla di coperte calde affinchè il cane possa riscaldarsi.

I cani che dormono in casa

E’ evidente che in questo caso il problema è molto inferiore, ma va comunque fatta attenzione quando si esce.

Passare da un ambiente riscaldato alla strada non è semplice per noi (imbacuccati con giacca a vento, cappello, guanti ecc.) figuriamoci per il nostro amico. In questo caso la cosa migliore da fare è quella di fare in modo che il passaggio sia graduale.

Se avete un riscladamento autonomo potete ad esempio spegnerlo nella stanza in cui si trova il cane una trentina di minuti prima di uscire, così che il cambiamento di temperatura sia meno marcato. Altrimenti potete restare nella tromba delle scale che vi servirà da “camera di compensazione”.

Cuccioli, cani anziani e cani malati

E’ un’ovvietà, ma sempre meglio dirlo che lasciarlo sottinteso.

I cuccioli, come i cani anziani, vanno curati più attentamente dei cani in piena salute. In questo caso se si tratta di un cane a pelo corto o senza sottopelo un cappottino è di certo raccomandato, così come fare maggiore attenzione agli orari più freddi quali la sera tardi o la mattina presto per la passeggiata.

Ti potrebbero interessare

Rating: 0

Scrivi la tua recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro che questa recensione è frutto della mia esperienza e che rappresenta la mia opinione autentica su questo servizio; dichiaro altresì di non avere relazioni personali o professionali con tale azienda e che non mi sono stati offerti incentivi o pagamenti per scrivere la presente recensione. Sono consapevole che Io e il mio cane attua una politica di tolleranza zero per le recensioni mendaci.

Per piacere, accetta il disclaimer per poter proseguire.