Barf: una filosofia in crescita

Home/Articoli/News/Barf: una filosofia in crescita

Barf: una filosofia in crescita

Sono ormai anni che si parla (in bene come in male) del metodo nutrizionale Barf, e tra chi storce il naso incerto e chi, al contrario, abbraccia questo approccio nutrizionale, il divario va facendosi sempre più ampio.

Nonostante le numeroso critiche il metodo sa prendendo piede, tanto che nell’ultimo anno si è visto un incremento delle macellerie per cani del 10%.

Ma cosa vuol dire Barf?

Barf è l’acronimo di Biologically Appropriate Raw Food, che sta a significare una dieta naturale per cani e gatti composta da carne cruda, ossa ed organi. La filosofia che vi sta dietro è quella di dare al proprio amico a quattro zampe un cibo naturale, senza passaggi in macchinari e senza aggiunta di coloranti e conservanti.

L’obiettivo della dieta Barf è quello di riportare il proprio cane ad uno stato primordiale, di cacciatore. Fornendogli del cibo non trattato il cane dovrebbe “risvegliare” quelle che sono le sue basi genetiche.

Ovviamente la carne viene opportunamente trattata, abbattendola di modo che i batteri presenti vengano uccisi. Insomma: parliamo di una carne diversa da quella per uso umano.

Quali sono i benefici?

La domanda fatidica è ovviamente questa: quali sono i benefici della dieta Barf rispetto a quella che ho adottato sino ad ora?

Se lo si chiede a chi l’ha scelta i benefici non solo sono evidenti, ma anche immediati. In particolare si noterà:

  • pelo più lucido
  • cane più agile
  • cane più in forma

Questo senza considerare che il cane mangerebbe solo alimenti adatti alla sua struttura fisica, e non dei “generici” legati alla marca di crocchette.

Le normali crocchette – dice Alberto, gestore di un negozio Barf – sono più lunghe da digerire, appesantiscono l’animale e possono portare perfino a problemi oncologici, tutte cose evitabili con una dieta più naturale

E le voci contrarie?

E’ evidente che non tutti sono d’accordo con questo approccio. Se è vero che il cane (e ancora di più il gatto) sono animali carnivori, è altresì vero che il cane attuale non ha paragone con il suo antenato. Nel corso dei secoli le razze hanno subìto un’evoluzione che si riflette geneticamente sull’animale da compagnia che gira per casa.

Ciò detto è indubbio che la dieta Barf sta prendendo piede, ed è bene ricordare che la sua vendita ha un canale diverso da quello della GDO umana. Non è possibile acquistare la carne in un supermercato ed inoltre va tarata sulla base della razza, dell’età del cane e sul tipo di vita che conduce.

E voi che ne pensate? siete favorevoli o contrari alla dieta Barf? e perchè?

Ti potrebbero interessare

Rating: 0

Scrivi la tua recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro che questa recensione è frutto della mia esperienza e che rappresenta la mia opinione autentica su questo servizio; dichiaro altresì di non avere relazioni personali o professionali con tale azienda e che non mi sono stati offerti incentivi o pagamenti per scrivere la presente recensione. Sono consapevole che Io e il mio cane attua una politica di tolleranza zero per le recensioni mendaci.

Per piacere, accetta il disclaimer per poter proseguire.