Cani famosi: Rin Tin Tin

Home/Articoli/News/Cani famosi: Rin Tin Tin

Cani famosi: Rin Tin Tin

Forse non tutti sanno che Rin Tin Tin non è frutto di fantasia o di una storia romanzata, ma un cane realmente esistito, la cui progenie è stata poi protagonista dei racconti che ne narravano le gesta.

Fu una vera e propria star del cinema anni prima che Lassie prendesse vita (come racconto), ed anche uno dei primi a manifestare il “temperamento da star” tanto da bere latte in una coppa di champagne, oltre che essere adorato da Jean Harlow e Greta Gabro e odiato da altri, tanto da apparire come co-responsabile nel caso di divorzio tra il suo proprietario e la moglie Charlotte.

La storia di Rin Tin Tin

Pastore tedesco nato in Europa nel 1918, Rin Tin Tin venne trovato dal soldato americano Lee Duncan durante la Prima Guerra Mondiale. Lee era stato inviato nel nord della Francia, più precisamente a Flirey, con lo scopo di valutare se fosse possibile far diventare la zona un campo di atterraggio.

L’unica cosa che era rimasta in piedi a seguito degli ingenti bombardamenti era un allevamento. Quando Lee andò a sincerarsi della condizioni dell’allevamento trovò una femmina di pastore tedesco con 5 cuccioli nati da pochi giorni. Li prese con se e li portò al campo, dove affidò la madre a 3 dei cuccioli ad altri soldati, tenendo per se un maschio che chiamò Rin Tin Tin ed una femmina, a cui diede il nome di Nanette.

Quando il conflitto terminò Lee portò con se i due cani. Nanette morì poco dopo l’arrivo negli Stati Uniti mentre Rin Tin Tin sopravvisse.

Una volta a casa Lee riprese il proprio lavoro e si dedicò all’educazione di Rin Tin Tin nel tempo libero. Proprio durante le sessioni di allenamento Lee si convinse che il cane era incredibilmente capace (quasi geniale) e, con Hollywood ad un tiro di schioppo, si convinse che Rin Tin Tin avrebbe potuto sfondare nel mondo del cinema.

Quando i sogni diventano realtà

Per dimostare quanto valesse il suo cane Lee scrisse una storia che lo vedeva come protagonista e tentò di venderla agli Studios. Proprio mentre cercava qualcuno che la valutasse incappò nel classico “colpo di fortuna”. La Warner Bros stava girando un film e il loro protagonista, un lupo, non collaborava.

Lee li convinse a provare con Rin Tin Tin dopo avergli sporcato il pelo di modo che apparisse simile ad un lupo. Il risultato della performance andò ben oltre le aspettative di tutti, tanto che la Warner Bros si offrì di acquistare i diritti della storia di Lee e di prendere Rin Tin Tin come protagonista.

Era l’inizio di una carriera cinematografica che avrebbe visto per ben 8 anni il sodalizio tra Lee e la Warner.

Il film uscì nel 1923 e fu apprezzato al punto che vennero realizzate migliaia di foto (con l’impronta della zampa di un cane) autografate da Lee. Attrici come Greta Garbo vollero uno dei cuccioli di Rin Tin Tin e lo stesso Lee veniva trattato come una star, anche in virtù del rapporto di simbiosi che aveva con il proprio cane. Guadagnò circa 5 milioni di dollari, con i quali acquistò una villa a Malibù ed una a Bevery Hills.

La filmografia

In tutto Rin Tin Tin recitò, dal 1922 al 1931, in ben 29 film.

Fino al 1927 Rin Tin Tin recitò in svariati film che vennero osannati dal pubblico e dalla critica. Rappresentava la concretizzazione del sogno americano, dove un immigrato poteva farcela. Incredibilmente travalicò l’essere un cane al punto che le persone si identificavano in lui, umanizzandolo.

Per la Warner era una sorta di macchina da soldi, tanto da riuscire con ogni film a risollevare le sorti dell’azienda. Probabilmente anche per questo motivo i suoi compensi erano più alti dei co-protagonisti umani.

Quando il cinema visse il passaggio al sonoro il ruolo di Rin Tin Tin subì alcune modifiche. I comandi che un tempo, con il muto, potevano essere impartiti senza problemi, divennero più problematici in quanto sarebbero stati registrati. Di conseguenza Lee fu costretto a creare dei nuovi gesti per far capire al cane cosa desiderava facesse.

I premi

I film di Rin Tin Tin gli fruttarono fama e successo, che gli vennero riconosciute con una stella sulla Hollywood Walk of Fame al 1627 di Vine Street.

Ti potrebbero interessare

Rating: 0

Scrivi la tua recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro che questa recensione è frutto della mia esperienza e che rappresenta la mia opinione autentica su questo servizio; dichiaro altresì di non avere relazioni personali o professionali con tale azienda e che non mi sono stati offerti incentivi o pagamenti per scrivere la presente recensione. Sono consapevole che Io e il mio cane attua una politica di tolleranza zero per le recensioni mendaci.

Per piacere, accetta il disclaimer per poter proseguire.