Il cane più brutto del mondo

Home/Articoli/News/Il cane più brutto del mondo

Il cane più brutto del mondo

Andate in giro e chiedete a tutti quelli che incontrate per strada. Vi diranno che il loro cane è furbo, si sperticheranno per elogiarlo o per raccontarvi delle sue marachelle. Ma nessuno vi dirà mai che il suo dolce amico a quattro zampe è brutto.

Eppure esiste un festival, al quale partecipano tra le 2.000 e le 3.000 persone, per eleggere il cane più brutto del mondo.

La competizione si tiene in California, precisamente a Petaluma, e si chiama “World’s Ugliest Dog Contest”. Se pensate che la prima edizione è datata 2000, capirete che anche da un punto di vista mediatico ha una considerevole copertura.

Quest’anno la vincitrice è stata un Mastino Napoletano di nome Martha, che si è aggiudicata $1.500 più un viaggio a New York. La “piccola” Martha è stata salvata dopo diversi maltrattamenti che le hanno causato anche problemi di vista, e con il suo scrollare continuo sul palco non ha avuto problemi a farsi largo tra i partecipanti.

La vittoria di Martha rappresenta una volta di più lo scopo del festival: sollecitare le adozioni dimostrando che anche i cani con problemi fisici sono degli ottimi compagni. In passato hanno vinto cani con difetti fisici notevoli, come SweePee Rambo, un Chinese Crested Dog cieco, o Quasi Modo, che viene confuso con una jena o un diavolo della Tasmania.

Insomma: a tutti va concessa una seconda opportunità!

Ti potrebbero interessare

Rating: 0

Scrivi la tua recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro che questa recensione è frutto della mia esperienza e che rappresenta la mia opinione autentica su questo servizio; dichiaro altresì di non avere relazioni personali o professionali con tale azienda e che non mi sono stati offerti incentivi o pagamenti per scrivere la presente recensione. Sono consapevole che Io e il mio cane attua una politica di tolleranza zero per le recensioni mendaci.

Per piacere, accetta il disclaimer per poter proseguire.