Tutti i trucchi per fotografare il tuo cane

Home/Articoli/News/Tutti i trucchi per fotografare il tuo cane

Tutti i trucchi per fotografare il tuo cane

Diciamoci la verità: spesso e volentieri vorremmo che tutti vedessero le espressione buffe o particolari dei nostri amici, ma quando finalmente ci decidiamo a scattare il risultato non è mai soddisfacente. Ma perchè? eppure il soggetto è sempre lo stesso.

In realtà quello che ci manca affinchè la foto riesca davvero bene, come quella di un professionista, è la messa in opera di una serie di tecniche ed accorgimenti che solo raramente portiamo avanti.

Abituati al digitale l’unica tecnica che viene adottata è quella dello “scatto a ripetizione” nella speranza che, tra tante, un paio di foto decenti escano.

Ma perchè non sforzarsi un minimo così da raggiungere un risultato di eccellenza e non di semplice sufficienza? Abbiamo raccolto da alcuni fotografi noti i loro consiglie, e vogliamo condividerli con tutti.

Osserva prima di scattare

Sembra banale, ed invece è una delle cose che meno si fa. Osservare il proprio cane quando mette in atto un comportamento ci sarà utile quando vorremo ripeterlo.

Non solo! Osservare il porprio cane implica anche l’essenza della foto stessa: carpire quello che vogliamo far vedere.

Osservandolo riusciremo ad indentificare che cosa, nel suo comportamento, lo rende speciale, e una volta capito cosa fotografare tutto doventa più semplice.

Prepara la scena

Cosa differenzia lo scatto di un professionista dal nostro? Una delle caratteristiche più lampanti è che, nello scatto professionale, non appaiono elementi di disturbo, inappropriati, fuori luogo.

Insomma: la foto è incentrata solo sul cane, che ne diventa protagonista.

Viceversa le foto amatoriali sono spesso scattate in casa, in un ambiente dove appaiono porte, oggetti, tappeti ecc.

Tutti disturbi per chi vuol vedere il cane.

Cambia punto di vista

Altro problema classico della foto amatoriale: lo scatto è fatto sempre in piedi. Anche se il cane è un bassotto, che visto dall’alto perde molta delle sua bellezza perchè non lo si apprezza come si dovrebbe.

Ecco allora che “scendere” al livello del cane diventa un’azione imprescindibile.

In primis perchè chi vedrà lo scatto avrà un punto di osservazione diverso (e già questo distinguerà la vostra foto dalle altre). E poi perchè permetterà agli altri di vedere il cane in maniera più armonica.

Metti in risalto un solo aspetto

Si ricollega a ciò che dicevamo prima: non tentare di mostrare tutto! Concentrati invece su un elemento del tuo cane, che sia l’espressione, il movimento, la posizione o altro l’importante è che sia chiaro cosa vuoi mostrare.

Uno degli elementi più belli da vedere sono gli occhi. Mettere a fuoco gli occhi del cane spesso restituisce tutta la tenerezza che il nostro amico è capace di trasmettere.

Per riuscire a mettere a fuoco un elemento così specifico (ma vale anche per altri) servitevi di ottiche lunghe, affinchè sfochino il resto della testa dando ancora più evidenza agli occhi.

La foto è sempre un racconto

Che sia il solo cane, o il rapporto cane / padrone, la foto verrà sempre interpretata come un racconto.

Per cui sii chiaro con te stesso su cosa vuoi trasmettere quando scatti. Se è il rapporto di amicizia tra cane e padrone allora cerca di trasmettarlo rappresentando dei momenti di vita giornaliera, che esaltino quetso rapporto unico.

Se al contrario il tuo scopo è quello di far parlare direttamente il cane allora fai in modo che la foto sia inequivocabile.

Il cane che guarda in camera? Che dorme? Che si distende? Che caccia? Non devi permettere alcuna interpretazione alternativa alla tua.

Ricorda che la foto la vuoi fare tu, non lui!

Il che equivale a dire che non devi essere impaziente di scattare la foto. Attendi che arrivi il momento giusto, ma non forzare il cane in una posizione.

Nonostante abbiamo visto come fare in modo che il cane si metta in posa, questo non vuol dire che tu possa sempre coprire tutte le possibili scene / scatti.

Queste sono alcuni dei consigli per scattare delle belle foto al proprio cane. Ovviamente non coprono i suggerimenti tecnici sul come impostare fisicamente la macchina (tempi di messa a fuoco ecc.) ma servono per darvi un’impostazione di come rendere le vostre foto diverse dal solito.

Adesso sta a voi! Mostrateci cosa siete statiin grado di fare!

Ti potrebbero interessare

Rating: 0

Scrivi la tua recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro che questa recensione è frutto della mia esperienza e che rappresenta la mia opinione autentica su questo servizio; dichiaro altresì di non avere relazioni personali o professionali con tale azienda e che non mi sono stati offerti incentivi o pagamenti per scrivere la presente recensione. Sono consapevole che Io e il mio cane attua una politica di tolleranza zero per le recensioni mendaci.

Per piacere, accetta il disclaimer per poter proseguire.