LE ORIGINI

Nonostante si tratti di un cane di piccola taglia è da sempre considerato un cane robusto con una sviluppata struttura ossea.

Per anni razza prediletta di molti personaggi storici famosi, come il Principe della Corona Rodolfo D’Asburgo, nel 1935 fu riconosciuto dalle associazioni austriache come il terzo cane per pista di sangue.

Il Carattere

E’ una razza robusta, resistente al clima, utilizzato soprattutto dai cacciatori in montagna.

Eccelle nell’attività venatoria (non ha alcuna paura) sia come cane da pista per i cervi feriti, che come cane da fiuto per conigli e volpi.

Date le sue dimensioni è molto adatto anche per stare insieme ad i bambini.

Lo standard di razza

ASPETTO GENERALE

Cane da caccia forte, basso sugli arti, con costituzione robusta e asciutta, fitto pelo ruvido, forte muscolatura.

PROPORZIONI IMPORTANTI

Rapporto fra l’altezza al garrese e la lunghezza del tronco = 2 : 3
Rapporto fra la lunghezza del muso e quella del cranio = 9 : 10

COMPORTAMENTO – CARATTERE

Espressione intelligente e amichevole. Senza paura

Testa - regione del cranio

Cranio: leggermente convesso. La sutura metopica è nettamente definita. Cresta occipitale poco segnata.

Stop: marcato passaggio tra il cranio e il muso

Testa - regione del muso

Tartufo: nero

Muso: Muso robusto

Labbra: ben aderenti, pigmentate di nero con bordo mediamente arrotondato

Denti: chiusura a forbice – o a tenaglia, potente e completa. E’ richiesta una dentatura completa di 42 denti. L’assenza in totale di 2 PM1 o PM2 (premolari 1 e 2) è tollerata; gli M3 (molari 3) non sono presi in considerazione.

Occhi: con iride marrone scuro - palpebre pigmentate di nero e ben aderenti.

Orecchi: attaccati alti, senza pieghe, pendono ampi e piatti – di media lunghezza (devono poter raggiungere i canini) – ben arrotondati all’estremità

Collo

muscoloso, non troppo lungo

Corpo

robusto, molto muscoloso e allungato.

Garrese: moderatamente pronunciato

Dorso: diritto

Rene: corto e ampio

Groppa: poco avvallata

Torace: profondo e ampio con petto prominente; l’altezza del torace deve corrispondere circa alla metà dell’altezza al garrese

Ventre: moderatamente retratto

Coda

attaccata alta, forte alla radice.

Nella parte inferiore il pelo è più lungo (coda a spazzola).

Portata leggermente abbassata, in lunghezza arriva al suolo.

Arti anteriori

anteriori diritti e forti; sembrano corti rispetto al corpo.

Spalle: scapole strettamente aderenti, lunghe, oblique e fortemente muscolose

Arti posteriori

muscolosi, forti e ben angolate.

Visti dal dietro, gli assi degli arti sono diritti

Piedi

forti, rotondi; dita strettamente chiuse, robusti cuscinetti e unghie nere

Andatura

con buon allungo, non affettato.

Passo preferito: trotto

Pelle

elastica e forte, senza pieghe.

Mantello - pelo

pelo doppio molto fitto con spesso sottopelo.

Ricopre tutto il corpo, ed è ben aderente

Mantello - colore

l’ideale è un fulvo scuro che tira al rosso (rosso cervo), con o senza carbonature nere; o nero con focature rosso-brune ben delimitate al capo(4 occhi), petto, arti, piedi e la parte inferiore della coda.

E’ permessa una stella bianca al petto.

Taglia

Altezza al garrese: 34 a 42 cm
Ideale per i maschi 37 – 38 cm
Ideale per le femmine 36 – 37 cm

Difetti

Qualsiasi deviazione da quanto sopra deve essere considerato come difetto che sarà penalizzato a seconda della sua gravità:
- Ossatura debole
- Muscolatura insufficiente
- Muso troppo a punta, corto o lungo
- Occhi troppo chiari, palpebre non ben aderenti
- Orecchi corti o a punta
- Spalla fluttuante
- Appiombi anteriori e posteriori non corretti
- Pelo raro o troppo corto
- Colore che si discosta leggermente da quelli prescritti dallo Standard

Difetti eliminatori

- Tutto quello che può influire negativamente sull’impiego a caccia
- Assenza di più di due premolari 1 o 2 (PM 1 o PM 2). Gli M3 non sono presi in considerazione.
- Altezza al garrese inferiore a 34 cm e superiore a 42 cm.
- Debolezza di carattere