LE ORIGINI

Le origini dell’American Staffordshire Terrier (abbreviato in Amstaff) nasce dagli incroci tra cani di tipo molossoide e di tipo terrier, creati in Inghilterra per il bull baiting (combattimento di cani contro tori).

Tra il secondo e il terzo decennio dell’Ottocento le autorità inglesi misero fuorilegge questi combattimenti che passarono nella clandestinità, trasformandosi in incontri fra soli cani (dog fighting). Questa pessima pratica venne esportata contestualmente alla colonizzazione degli inglesi del nord America, e da qui deriva il nome American Pittbull terrier.

Nel 1884 venne costituito l’American Kennel Club (AKC) per la tutela delle razze canine pure, che chiese di cambiare il nome alla razza, sostituendo il termine Pit (arena) con Staffordshire terrier.

La selezione dell’Amstaff venne improntata sull’eleganza e l’appariscenza, divenendo un cane da compagnia per il carattere docile e da esposizione per la bellezza.

Il Carattere

L’American Staffordshire Terrier è un cane incredibilmente dolce, equilibrato, amante dei bambini e degli anziani, tanto da essere utilizzato spesso nella pet theraphy.

Per le sue origini resta comunque un cane che necessita di attenzioni, di trascorrere molto tempo con un padrone attivo che ne sappia gestire il carattere e le necessità.

E’ un cane equilibrato, consapevole della sua forza, e di conseguenza non risulta aggressivo nei confronti delle altre razze. Diventa invece protettivo nel momento in cui la sua famiglia è in pericolo, dimostrandosi un guerriero impavido e coraggioso.

L’intervista all’allevatore

l’Amstaff

Uno dei cani meno conosciuti, se non per sentito dire. Scopri che fantastico animale è!

Lo standard di razza

ASPETTO GENERALE

Lo Staffordshire Terrier dovrebbe dare l’impressione di grande forza per la sua taglia; un cane ben costruito, muscoloso ma agile e di belle linee, molto attento.

Dovrebbe essere robusto, non alto sugli arti, né troppo snello. Il suo coraggio è proverbiale.

Testa

di lunghezza media, alta da ogni lato

Testa - regione del cranio

Cranio: largo

Stop: marcato

Testa - regione del muso

Tartufo: assolutamente nero

Muso: di media lunghezza, rotondo nella parte superiore, ricade bruscamente sotto gli occhi.

Labbra: ben tese e regolari; si adattano alla mandibola

Denti: mascelle ben definite. Mascella inferiore forte e potente. Incisivi superiori a stretto contatto con la parte anteriore degli incisivi inferiori.

Guance: muscoli delle guance molto pronunciati

Occhi: scuri, rotondi, situati bassi e molto ben distanziati. Nessun segno di depigmentazione alle palpebre. (palpebre rosa)

Orecchi: inseriti alti. Tagliati o integri. Gli orecchi integri sono da preferirsi. Gli orecchi integri dovrebbero essere corti e portati a rosa, o semi eretti. Da penalizzare gli orecchi del tutto pendenti.

Collo

pesante, leggermente arcuato.

Si restringe dalle spalle al dietro del cranio.

Senza giogaia. Di media lunghezza.

Corpo

Linea superiore: dorso piuttosto corto. Scende leggermente dal garrese alla groppa, che presenta una blanda discesa fino all’attaccatura della coda.

Rene: leggermente risalente

Torace: profondo e largo. Costole ben cerchiate; ravvicinate, che si estendono bene all’indietro.

Coda

corta in rapporto alla taglia, inserita bassa, va assottigliandosi in una punta fine; non arrotolata o portata sopra il dorso.

Non tagliata.

Arti anteriori

diritti, con ossa larghe

Spalle: forti e muscolose, con scapole ampie e oblique

Metacarpi: diritti

Arti posteriori

ben muscolosi

Garretti: discesi, non deviati in fuori né in dentro

Piedi

di media dimensione, ben inarcati e compatti

Andatura

elastica ma senza rollìo o ambio.

Mantello

corto, fitto, duro al tatto e lucente

Mantello - colore

tutti i colori sono ammessi: monocolore, pluricolore, pezzato; ma non sono da incoraggiare: il bianco che supera l’80%, il nero- focato o il color fegato

Taglia

l’altezza dovrebbe essere proporzionata al peso

Altezza: da preferire per i Maschi: 46 – 48 cm; per le Femmine: 43 – 46 cm

Difetti

Qualsiasi deviazione dai punti di cui sopra dovrebbe essere considerata difetto, e la severità con cui va considerato questo difetto deve essere in proporzione alla sua gravità.

- Tartufo scolorito
- Prognatismo, enognatismo
- Occhi chiari
- Palpebre rosa
- Coda troppo lunga o portata male

PHOTOGALLERY