LE ORIGINI

L’Australian Cattle Dog è stato allevato per aiutare la diffusione dell’allevamento dei bovini nella vecchia Australia.

La caratteristica più importante desiderata era un cane forte, mordace, con grande resistenza e la capacità di spostare e radunare bovini selvaggi.

Razze da lavoro già importate non avevano queste caratteristiche.

Poiché i primi coloni avevano poca manodopera a disposizione, nacquero problemi nel controllo delle loro mandrie e greggi.
La maggior parte delle fattorie non erano recintante ed i terreni arbustivi non erano ancora stati puliti.

Per assicurare un lavoro regolare con le pecore ed i bovini, i coloni si sforzarono di allevare razze di cani, che potessero svolgere per loro questo lavoro.

I primi coloni registrarono soltanto poche informazioni riguardo al loro allevamento. Per questo motivo, nonostante ricerche intensive, mirate a trovare l’origine dell’Australian Cattle Dog, ci sono diverse opinioni riguardo a quali razze abbiano contribuito allo sviluppo della razza attualmente considerata come pura.

Generalmente si presuppone che la razza sia il risultato di incroci di Collie a pelo corto blue-merle con il Dingo e di un successivo incrocio di dalmata e di sangue di Kelpie nero focato.

Si tentarono altri incroci, ad esempio un incrocio con il Bull Terrier, ma tutti questi altri incroci non hanno avuto successo nel lavoro con i bovini.

Il Carattere

Cane che porta con se i geni della difesa del gregge, dimostra di non aver perduto questa caratteristica quando si trova di fronte ad uno sconosciuto il cui comportamento lo mette in allarme. Infatti la sua risposta è immediata e pronta: le sue orecchie si rizzano rapidamente e si prepara ad intervenire.

Ha un carattere molto paziente tanto da non stancarsi mai neanche di fronte a lavori che durano molto tempo e questo da modo agli agricoltori o comunque a coloro che lo utilizzano come guida di poter contare su un vero segugio fedele.

Queste sue caratteristiche le porta anche nella cura del padrone, che per lui è un compagno da difendere e coccolare.

Viceversa non è molto adatto a lavori sociali o a prendersi cura di bambini ed anziani.

Lo standard di razza

ASPETTO GENERALE

L’aspetto generale è quello di un cane da lavoro forte, compatto, armoniosamente costruito, che ha la capacità e il desiderio di adempiere al compito che gli è stato affidato, per faticoso che sia. La sua sostanza, la sua potenza, l’equilibrio delle sue forme e la qualità dei suoi muscoli devono concorrere a dare l’impressione di grande agilità, di forza e di resistenza. Qualsiasi tendenza a sembrare grossolano o mancare di sostanza costituisce un grave difetto.

 

PROPORZIONI IMPORTANTI

La lunghezza del corpo misurata dalla punta dello sterno fino alla punta della natica è maggiore dell’altezza al garrese nella proporzione di 10/9.

 

COMPORTAMENTO – CARATTERE

La fedeltà del Bovaro Australiano e il suo innato istinto di protezione ne fanno il protettore più adatto per il guardiano del bestiame, la sua mandria edi suoi beni. Pur essendo diffidente verso gli estranei, deve essere docile, in particolare nei ring delle esposizioni. Qualsiasi tratto, nel carattere o nella struttura, che sia estraneo alla natura del cane da lavoro, deve essere considerato come un grave difetto.
Come il nome stesso della razza sottintende, il lavoro di questo cane è la difesa e la gestione del bestiame sia su terreni molto ampli come anche in spazi molto ristretti, compito che egli svolge in modo inimitabile.
È sempre attento, estremamente intelligente, vigile, coraggioso ed affidabile, la sua dedizione incondizionata al dovere lo caratterizza quale cane da lavoro ideale.