LE ORIGINI

Esemplari più piccoli di Bull Terrier erano conosciuti fin dal 19° secolo ma persero di popolarità prima della Prima Guerra Mondiale e furono tolti da Kennel Club Breed Register nel 1918.

Nel 1938, un gruppo di appassionati, capitanati dal Colonnello Richard Glyn, fondarono il Miniature Bull Terrier Club allo scopo di ridare vita alla razza.

Lo standard è lo stesso di quello del Bull Terrier, con l’eccezione del limite di altezza.

Il Carattere

Il miniature bull terrier è un cane che ama stare in famiglia, a contatto con i proprietari. Facile da addestrare, è adatto a vivere con bambini ed altri animali, purché sia stato fatto socializzare fin da piccolo. Viceversa, è diffidente con chi non conosce, rivelandosi un buon cane da guardia.
 
Come gli altri cani, va d'accordo con cani di sesso opposto, maschi con femmine, tra femmine la convivenza è possibile, ma non sempre certa.

Per la sua statura risulta più adatto del taglia normale a vivere in casa.

Lo standard di razza

ASPETTO GENERALE
Di forte costruzione, muscoloso, ben proporzionato e attivo con espressione acuta, determinata e intelligente. . È unico per la sua testa a forma di uovo con canna nasale discendente. Indipendentemente dalla taglia, i maschi devono apparire mascolini e le femmine femminili.

 

COMPORTAMENTO – CARATTERE
Coraggioso, pieno di vivacità, con un carattere amabile e gioioso.
Di temperamento calmo, è facile da gestire. Anche se ostinato, è particolarmente gentile con la gente.

 

TESTA
lunga, forte e piena di sostanza fino al termine del muso, ma non è grossolana. Vista di fronte ha forma di uovo ed è ben piena, con la superficie priva di cavità o depressioni. Di profilo mostra una curva gentile verso il basso, dalla sommità del cranio al tartufo

 

TESTA – REGIONE DEL CRANIO
Cranio: la sommità del cranio è piuttosto piatta fra un orecchio e l’altro

 

TESTA – REGIONE DEL MUSO
Tartufo: nero; all’estremità è inclinato verso il basso. Narici ben sviluppate

Labbra: di taglio netto, aderenti

Mascelle/Denti: la mascella inferiore è forte e profonda. I denti sono sani, puliti, forti, di buona misura e impiantati regolarmente. Si presentano con una perfetta, regolare e completa chiusura a forbice, cioè con gli incisivi superiori che si sovrappongono, a stretto contatto, agli inferiori e sono impiantati perpendicolarmente alle mascelle.

Occhi: appaiono stretti e triangolari, piazzati obliquamente, neri o di un marrone il più possibile scuro tanto da sembrare quasi neri; con sguardo penetrante. La distanza fra la punta del tartufo e gli occhi è visibilmente maggiore di quella dagli occhi all’apice del cranio. Gli occhi completamente o parzialmente blu, sono indesiderabili.

Orecchi: piccoli, fini e piazzati vicini tra loro. Il cane dovrebbe essere in grado di tenerli rigidamente eretti, quando puntano verso l’avanti.

 

COLLO
molto muscoloso, lungo, col profilo superiore arcuato; si assottiglia dalle spalle alla testa e non ha giogaia

 

CORPO
ben tondeggiante, con marcata cerchiatura di costole e grande profondità dal garrese allo sterno, così che quest’ultimo è più vicino al terreno che non il ventre.

Dorso: corto, forte. La linea superiore è orizzontale dopo il garrese. Disegna una linea arcuata o leggermente convessa sui reni

Reni: ampi, ben muscolosi

Torace: largo se visto dal davanti.

Linea inferiore e ventre: Dallo sterno al ventre, s’incurva verso l’alto in una linea elegante

 

CODA
corta, inserita bassa e portata orizzontalmente. Grossa alla base, si assottiglia in una punta fine

 

ARTI ANTERIORI
Aspetto generale: il cane dovrebbe poggiare solidamente sugli arti, perfettamente paralleli.
Nel cane adulto la lunghezza degli anteriori dovrebbe essere quasi uguale all’altezza del torace.

Spalle: forti e muscolose senza essere pesanti. Scapole ampie, piatte e tenute aderenti al torace; hanno una pronunciata inclinazione all’indietro del bordo anteriore, dal basso in alto, formando un angolo quasi retto col braccio.

Gomiti: tenuti diritti, e forti

Avambraccio: gli arti anteriori hanno il più robusto tipo di osso rotondo e di qualità.

Metacarpi: in appiombo

Piedi anteriori: rotondi e compatti con dita ben arcuate

 

ARTI POSTERIORI
Aspetto generale: posteriori paralleli se visti dal dietro

Cosce: muscolose

Ginocchio: ben angolato

Gambe: ben sviluppate

Garretto: ben angolato

Metatarsi: con ossatura corta e forte

Piedi posteriori: rotondi e compatti con dita ben arcuate

 

ANDATURA
in movimento il cane dà l’impressione di essere ben compatto, ricoprendo il terreno con passi facili falcate sciolte, con tipica aria briosa.
Al trotto, gli arti si muovono restando paralleli, (visti dal davanti e da dietro), convergendo verso la linea centrale solo ad una maggiore velocità. Gli anteriori hanno buon allungo e i posteriori, per il loro movimento regolare a livello delle anche, e per la buona flessione delle ginocchia e dei garretti, danno forte spinta

 

PELLE
strettamente aderente su tutto il corpo

 

MANTELLO – PELO
corto, piatto, uniforme e duro al tatto, con una buona lucentezza.
D’inverno ci può essere sottopelo dalla tessitura morbida.

 

MANTELLO – COLORE
nei Bull Terrier bianchi, il mantello è di un bianco puro. La pigmentazione della pelle e le macchie sulla testa non sono da considerare un difetto.
Per i Bull Terrier colorati, il colore deve predominare sul bianco.
A uguale qualità per il resto, il tigrato deve avere la preferenza. Sono ammessi il nero tigrato, il rosso, il fulvo e il mantello tricolore.
Il mantello bianco moschettato o trotato è indesiderabile. Il mantello blu e il mantello fegato (marrone) sono altamente indesiderabili.

 

TAGLIA E PESO
Non vi sono limiti di peso o di taglia. Il cane deve dare l’impressione d’avere il massimo della sostanza rispetto alla taglia, tenendo conto della qualità del soggetto e del sesso.

 

BULL TERRIER MINIATURA
Lo Standard del Bull Terrier Miniatura è lo stesso del Bull Terrier, tranne che per quanto segue:

 

TAGLIA E PESO
L’altezza al garrese non deve superare i 35,5 cm.
Il cane deve dare l’impressione d’avere della sostanza in rapporto alla sua taglia. . Non vi sono
limiti di peso. In ogni caso, il cane deve essere sempre ben proporzionato.

 

DIFETTI
qualsiasi deviazione da quanto sopra deve essere considerato come difetto e la severità con cui questo difetto sarà penalizzato deve essere proporzionata alla sua gravità e agli effetti sulla salute e il benessere del cane

 

DIFETTI ELIMINATORI
– Soggetto aggressivo o eccessivamente timido