LE ORIGINI

Discendente del lupo artico, il cane da orso della Carelia (Karjalankarhukoira in finlandese) ha origini russe, e successivamente è stato trapiantato in Finlandia.

L’allevamento fu avviato nel 1936 con lo scopo di creare un cane robusto che abbaiasse alla grossa selvaggina.

Impiegato soprattutto per la caccia all’alce e all’orso, è un cacciatore che blocca e tiene a bada la preda.

Molto indipendente, collabora attivamente alla caccia indicando la presenza del selvatico abbaiando.

Ha sensi molto sviluppati, specialmente quello dell’odorato, il che permette di utilizzarlo nella caccia alla grossa selvaggina.

Ottimo il suo senso di orientamento.

Il Carattere

Ha un istinto al combattimento molto sviluppato dato che la razza è stata sempre selezionata per cacciare animali selvatici di grandi dimensioni.

Ciò nonostante non si dimostra mai aggressivo nei confronti delle persone, che comunque considera estranee mentre si può dimostrare aggressivo solo nei confronti dei suoi simili, il più delle volte per difendersi.

Lo standard di razza

ASPETTO GENERALE
Di media taglia, forte, di conformazione robusta, solo leggermente più lungo che alto. Il suo pelo è fitto e gli orecchi diritti.

 

PROPORZIONI IMPORTANTI
– la lunghezza del corpo è solo leggermente superiore dell’altezza al garrese.
– la profondità del torace è circa la metà dell’altezza al garrese.
– la proporzione fra muso e cranio è circa 2 : 3
– la lunghezza del cranio è all’incirca uguale alla sua ampiezza e profondità

 

COMPORTAMENTO – CARATTERE
Equilibrato, un po’ riservato, coraggioso e tenace. Molto sicuro di sé, può essere aggressivo verso gli altri cani, ma mai verso gli esseri umani. Ha molto sviluppato l’istinto della lotta.

 

TESTA
vista dal davanti ha forma triangolare

 

TESTA – REGIONE DEL CRANIO
Cranio: largo; visto dal davanti e di lato è leggermente convesso. Più ampio fra gli orecchi. La sutura metopica è appena visibile. Le arcate sopraccigliari sono solo leggermente sviluppate.

Stop: non molto pronunciato, piuttosto lungo, forma un arco progressivo verso il cranio.

 

TESTA – REGIONE DEL MUSO
Tartufo: largo, di color nero

Muso: profondo, si assottiglia solo leggermente verso il tartufo. La canna nasale è diritta.

Labbra: piuttosto sottili e ben aderenti

Mascelle/Denti: Le mascelle sono molto forti. I denti sono ben sviluppati e simmetrici; dentatura normale. Stretta chiusura a forbice

Guance: le arcate zigomatiche sono forti

Occhi: piuttosto piccoli, leggermente ovali. Marroni di diversa tonalità, mai gialli. L’espressione è sveglia e fiera

Orecchi: eretti, inseriti piuttosto alti, di media misura, con le punte leggermente arrotondate

 

COLLO
muscoloso; di media lunghezza, arcuato e ricoperto di pelo spesso. Senza giogaia

 

CORPO
Garrese: nettamente definito, specialmente nei maschi; meno marcato nelle femmine

Dorso: diritto e muscoloso

Rene: corto e muscoloso

Groppa: ampia, forte, e leggermente obliqua

Torace: spazioso, non molto ampio, piuttosto profondo, che scende approssimativamente fino al gomito. Le costole sono leggermente arcuate. Il petto è nettamente visibile anche se non molto largo

Linea inferiore: leggermente rilevata

 

CODA
inserita alta, di media lunghezza, ricurva ad arco sopra il dorso, con la punta che tocca il corpo su di un lato o sul dorso. E’ permessa una coda corta naturale

 

ARTI ANTERIORI
In generale: forti con ossatura solida. Visti dal davanti sono diritti e paralleli. Il braccio e la scapola sono di uguale lunghezza, l’avambraccio è leggermente più lungo.

Spalla: relativamente obliqua, muscolosa

Braccio: leggermente obliquo e forte

Gomiti: diretti all’indietro, posti sulla linea verticale tirata dal punto più alto della scapola.

Avambraccio: forte e verticale

Metacarpo: di media lunghezza, leggermente obliquo

Piedi anteriori: con dita chiuse, ben arcuate, arrotondati e diretti diritti verso l’avanti. Cuscinetti elastici; i lati coperti di fitto pelo

 

ARTI POSTERIORI
In generale: forti e muscolosi, visti da dietro sono diritti e paralleli. La linea anteriore dell’arto posteriore è armoniosamente arcuata

Coscia: ampia e lunga con buona muscolatura

Ginocchio: diretto in avanti, è moderatamente angolato

Gamba: lunga e muscolosa

Garretto: basso; angolazione nettamente marcata

Metatarso: corto, forte e verticale

Piedi posteriori: compatti, leggermente più lunghi e meno arcuati di quelli anteriori. Cuscinetti elastici; i lati coperti di fitto pelo

 

ANDATURA
leggera e facile, con lunghe falcate. Cambia facilmente dal trotto al galoppo, che è la sua andatura più naturale. Gli arti si muovono parallelamente

 

PELLE
tesa su tutto il corpo, senza pieghe

 

MANTELLO – PELO
pelo esterno liscio e ritto. Sul collo, dorso e parte posteriore delle cosce è più lungo che in qualsiasi altra parte. Il sottopelo è soffice e fitto.

 

MANTELLO – COLORE
nero, può essere sbiadito o d’una sfumatura brunastra. La maggior parte dei soggetti hanno macchie nettamente definite sulla testa, collo, petto, ventre e arti

 

TAGLIA E PESO
Altezza al garrese: misura ideale per i maschi: 57cm misura ideale per le femmine: 52cm

Con una tolleranza di ± 3 cm.

Peso: Maschi 25 – 28 Kg; Femmine 17 – 20 Kg

 

DIFETTI
qualsiasi deviazione da quanto sopra dovrebbe essere considerato difetto, e la severità con cui va penalizzato deve essere proporzionata alla sua gravità

– Ossatura leggera
– Cranio stretto
– Fronte molto bombata
– Muso appuntito
– Occhi gialli
– Orecchi molli o da pipistrello
– Presenza di giogaia
– Torace troppo disceso o a botte
– Coda diritta o insufficientemente ricurva
– Spalle diritte
– Garretti diritti, piedi piatti
– Speroni sugli arti posteriori
– Pelo ondulato
– Colore bianco predominante con macchie nere o presenza parziale di pelo detto “di lupo”

 

DIFETTI ELIMINATORI
– Soggetto aggressivo o pauroso
– Enognatismo – Prognatismo
– Occhio gazzuolo
– Orecchi pendenti o con punte che ricadono (semi-erette)
– Colori diversi da quelli ammessi dallo standard