LE ORIGINI

Questa particolare razza canina è stata selezionata in antichità come cane da pastore per proteggere, sorvegliare e guidare le greggi.

Prende il nome dalla Provincia di Bergamo e si diffuse in tutto l’arco alpino, dove l’allevamento della pastorizia era molto diffuso.

Si pensa che gli ascendenti remoti di questa razza siano stati gli antichi Pastori tibetani.

Il Carattere

E’ un simpatico cane dall’intelligenza viva, sempre vigile, ma nello stesso tempo tranquillo, quando non c’è bisogno del suo intervento.

Se occorre sa anche essere di carattere deciso, coraggioso e un ottimo guardiano. Se percepisce la presenza di un intruso o di un nemico e ha la capacità di attaccare anche violentemente l’aggressore, sia che si tratti di persone sia che si tratti di animali che invadono la sua proprietà.

Instaura con il padrone e la sua famiglia uno stretto rapporto di amicizia e non ama essere lasciato solo.

Selezionati per stare all’aria aperta vivono serenamente anche nelle abitazioni, sono ricettivi ai comandi e diventano per i bambini preziosi compagni di giochi e per gli anziani una presenza rassicurante e affettuosa.

Impara facilmente ciò che gli si insegna, ma non ama fare cose inutili.

L’intervista all’allevatore

il cane da pastore bergamasco

E' in assoluto uno dei cani più tipici, sia per l'aspetto che per il carattere. Ma che altro nasconde sotto quel pelo?

Lo standard di razza

ASPETTO GENERALE

Il pastore Bergamasco è un cane di mole media, di aspetto rustico, con un abbondante mantello che copre tutte le parti del corpo; fortemente costruito ma molto ben proporzionato. La conformazione è quella di un cane di medie proporzioni (mesomorfo), il cui tronco sta nel quadrato, con proporzioni ben bilanciate in relazione tra taglia ed i profili della testa e quelli del corpo.

PROPORZIONI IMPORTANTI

La lunghezza del tronco dalla punta dell’angolo scapolo omerale alla punta dell’ischio è pari all’altezza del garrese (cioè sta’ nel quadrato).

La lunghezza della testa raggiunge i 4/10 dell’h. del garrese. La profondità del costato deve raggiungere il 50% dell’altezza del garrese.

COMPORTAMENTO E CARATTERE

La funzione del cane da Pastore Bergamasco consiste nella guida nella custodia del gregge e del bestiame in generale, lavoro in cui evidenzia un comportamento esemplare per vigilanza, concentrazione ed equilibrio. Le sue capacità di apprendere e la determinazione combinata con la sua moderazione e pazienza fanno del cane anche un ottimo cane da guardia e da compagnia, idoneo agli impieghi più svariati.

Conosciuto per l’instaurare con l’uomo uno stretto legame. Non deve mai essere aggressivo o pauroso, anche se una normale naturale diffidenza è tipica dei cani conduttori del gregge.