LE ORIGINI

Sicuramente le sue origini sono molto antiche e, come tutti i cani da pastore, difficilmente riconducibili ad una razza particolare.

L'appellativo di Pastore della Brie appare per la prima volta nel 1809 mentre nel 1897, grazie al Club Francese del Cane da pastore, furono fissate le prime basi ben definite del Briard, cosa che porrà così termine alla selezione empirica, vecchia di parecchi secoli.

Il Carattere

E' un cane emotivo e intelligente, buono e docile; adora i bambini e gradisce vivere all’aperto.

A volte è timido con chi non conosce, ma sempre affettuoso e giocherellone.

Cane rustico e resistente lavoratore. Si adatta ad ogni tipo di clima.

Non è mai aggressivo.

Lo standard di razza

ASPETTO GENERALE
è un cane rustico, agile, muscoloso e ben proporzionato, vivace e sveglio.

 

PROPORZIONI IMPORTANTI
IL Pastore di Brie è un cane mediolineo. La lunghezza del corpo, dalla punta della spalla alla punta della natica deve essere leggermente superiore all’altezza al garrese.
La testa è lunga 2/5 dell’altezza al garrese. La larghezza del cranio è leggermente inferiore alla metà della lunghezza della testa. Il cranio e la canna nasale hanno la stessa lunghezza.

 

COMPORTAMENTO – CARATTERE
Temperamento equilibrato, né aggressivo né pauroso. Il Pastore di Brie deve essere sicuro e ardito.

 

TESTA
forte, lunga, ricoperta di pelo che forma barba, baffi e sopracciglia che velano leggermente gli occhi. Viste di lato, le linee del cranio e del muso sono parallele.

 

TESTA – REGIONE DEL CRANIO
Cranio: forte, molto leggermente arrotondato se visto di profilo.

Stop: marcato; a uguale distanza dall’occipite e dall’estremità del tartufo

 

TESTA – REGIONE DEL MUSO
Tartufo: il tartufo è forte. Le narici sono ben aperte. Il tartufo è sempre nero tranne che nei soggetti blu che hanno il tartufo blu o bluastro.

Muso: il muso termina piuttosto quadrato. Il muso è forte, sufficientemente largo e mai appuntito.

Canna nasale: diritta

Labbra: aderenti

Mascelle/Denti: mascelle forti: denti bianchi. Chiusura a forbice.

Occhi: ovali. Orizzontali, ben aperti, piuttosto grandi. Di colore scuro. Nei soggetti blu, gli occhi leggermente più chiari sono ammessi.

Orecchi: sono attaccati alti, non aderenti e piuttosto corti se sono lasciati naturali. La lunghezza dell’orecchio non tagliato deve essere uguale o leggermente inferiore alla metà della lunghezza della testa – gli orecchi sono sempre piatti e coperti di peli lunghi. Se sono tagliati, nei Paesi dove questa pratica non è proibita, devono essere portati diritti, né divergenti, né convergenti.

 

COLLO
collo muscoloso e che esce bene dalle spalle

 

CORPO
Linea superiore: il dorso è diritto. Il rene è corto e fermo

Groppa: poco inclinata, di forma leggermente arrotondata.

Torace: è largo e lungo, ben disceso fino ai gomiti; costole ben cerchiate.

 

CODA
integra, portata bassa, deve raggiungere almeno la punta del garretto, senza deviazioni, e formando un leggero gancio all’estremità, a forma di J.
In movimento la coda può essere portata non più in alto del prolungamento della linea dorsale.

 

ARTI
molto muscolosi, con forte ossatura e appiombi regolari

 

ARTI ANTERIORI
Spalle: oblique, ben angolate, mediamente lunghe, ben aderenti alla parete toracica.

Gomiti: in linea con il corpo

Avambraccio: diritto e muscoloso

Metacarpi: visti di lato, leggermente inclinati.

Piedi: forti, rotondi e ben allineati con il corpo. Le unghie sono sempre nere (tranne che nei soggetti blu) e i cuscinetti sono duri; le dita devono essere chiuse e ben arcuate.

 

ARTI POSTERIORI
Cosce: muscolose

Garretti: non troppo discesi e ben angolati.

Metatarsi: perfettamente verticali se visti da dietro.

Piedi: forti, rotondi. Le unghie sono sempre nere (tranne che nei soggetti blu) e i cuscinetti sono duri. Le dita devono essere ben chiuse.

Speroni: per tradizione, i pastori hanno tenuto a conservare il doppio sperone. Gli speroni formano dei pollici ben separati con unghie, molto vicino ai piedi.

 

ANDATURA
è regolare, elastica, armoniosa, in modo che il cane si sposta e lavora con il minimo di sforzo e di fatica. Il Pastore di Brie deve avere un trotto allungato con un buon allungo e buona spinta del posteriore.

 

MANTELLO – PELO
è flessuoso, lungo, secco (del tipo pelo di capra), con un leggero sotto-pelo

 

MANTELLO – COLORE
il mantello è nero, fulvo, fulvo carbonato (leggermente o mediamente) spesso con maschera, grigio o blu.
I peli di un fulvo caldo possono presentarsi più chiari, tono su tono, alle estremità e sulle parti in pendenza (fulvo macchiato di sabbia). I mantelli neri, grigi e blu possono pure presentare delle parti più chiare tono su tono. Tutti i mantelli possono presentare diverse sfumature di grigio.

 

TAGLIA
Maschi da 62 cm a 68 cm al garrese
Femmine da 56 cm a 64 cm al garrese

 

DIFETTI
Qualsiasi deviazione da quanto sopra deve essere considerato difetto e la severità con cui va penalizzato deve essere proporzionata alla sua gravità e agli effetti sulla salute e il benessere del cane.

 

DIFETTI GRAVI
– Gravi difetti agli appiombi
– Mantello nell’insieme troppo chiaro
– Mantello: pelo di lunghezza insufficiente (meno di 7/ cm), pelo molle o lanoso.

 

DIFETTI ELIMINATORI
– Cane aggressivo o pauroso
– Stop inesistente
– Tartufo di colore diverso dal nero o blu; presenza di parti depigmentate.
– Prognatismo o enognatismo con perdita di contatto degli incisivi; assenza di 2 PM4 inferiori o assenza di 3 denti o più qualsiasi (i PM1 non sono presi in considerazione).
– Occhio troppo chiaro (giallo), gazzuolo
– Orecchi arrotolati in dentro, attaccati troppo bassi sotto la linea dell’occhio, ricoperti di pelo raso, naturalmente eretti.
– Coda portata sul dorso, arrotolata (a corno di caccia) o eretta verticalmente.
– Sperone semplice o assenza totale di speroni ai posteriori.
– Mantello: color bianco, marrone, mogano; mantello di due colori distinti; lista bianca, peli bianchi all’estremità degli arti, color fulvo con gualdrappa come pure fulvo con gualdrappa carbonata.
– Taglia al di fuori dei limiti indicati con tolleranza di 2 cm. in più e 1 cm. in meno
– Modifiche fraudolente del cane o traccia di tali pratiche con l’uso di sostanze o della chirurgia.