LE ORIGINI

Le origini del Chow-Chow sono attribuite alla Cina dove era tenuto come cane da guardia e utilizzato per la caccia e per il traino (vista la mole).

I Chow-Chow cominciarono ad apparire negli altri Paesi solo attorno al 1800, in particolare in Inghilterra dove arrivò al seguito dei mercati.

La pelliccia e la carne sono molto ricercate sia in Corea che in Cina, dove vengono allevati a scopo culinario.

Il Carattere

I Chow-Chow sono animali molto attenti, posati, con un’aria di indifferenza.

E’ una razza molto riservata, ma comunque non assente: al contrario è sempre molto attento e vigile.

Tende facilmente a prendere il sopravvento, ed essendo testardo riportarlo in riga diventa un lavoro molto faticoso.

Non abbaia quasi mai.

Necessita di frequenti passeggiate e di una cura costante al pelo.

Lo standard di razza

ASPETTO GENERALE

Attivo, compatto, raccolto e soprattutto ben proporzionato, dall’aspetto leonino, fiero, dal portamento altero, con struttura solida; la coda è portata nettamente sopra il dorso.

Deve sempre essere in grado di muoversi liberamente e non deve avere così tanto pelo da impedirne l’attività o causare sofferenza alle alte temperature.

La lingua nero bluastra è caratteristica di razza.

PROPORZIONI IMPORTANTI

La distanza dal garrese al gomito è uguale alla distanza dal gomito al suolo.

COMPORTAMENTO E TEMPERAMENTO

Cane calmo, buon guardiano. Indipendente, fedele ma riservato.

Testa - regione craniale

Cranio: piatto e largo.

Stop: non pronunciato.

Testa - regione facciale

Tartufo: grosso e largo in ogni caso, nero, tranne nei soggetti crema e in quelli quasi bianchi dove è ammesso un tartufo più chiaro, così come nei blu e nei fulvi diluiti (cannella) dove è intonato al colore del mantello, (ma il nero è preferibile in ogni caso).

Muso: di lunghezza moderata, largo dagli occhi fino all'estremità (non appuntito come quello della volpe).
Ben piena la regione sottorbitale.

Labbra: ideale una bocca completamente nera, inclusi il palato e le labbra, con la lingua nero bluastra.
Tuttavia una certa diluizione potrebbe essere presente nelle gengive dei soggetti blu e fulvi diluiti e questa diluizione potrebbe essere ancor più accentuata nei crema e nei bianchi.

Mascelle/denti: denti forti e allineati, mascelle forti con una perfetta, regolare e completa chiusura a forbice, cioè con gli incisivi superiori che strettamente si sovrappongono gli inferiori e sono impiantati perpendicolarmente alle mascelle.

Occhi: scuri, di forma ovale, di media dimensione e puliti. Nei blu e nei fulvi diluiti è ammesso un colore intonato al mantello.
Occhio pulito, esente da entropion, che non deve mai essere penalizzato solo per la dimensione.

Orecchie: piccole, spesse, leggermente arrotondate all'estremità, portate erette e ben distanziate, ma inclinate ben in avanti sopra gli occhi e leggermente convergenti, che conferiscono la tipica espressione accigliata della razza. Questa espressione detta “scowl” non deve essere data dal rilassamento delle pliche della pelle della fronte.

Collo

forte, massiccio, non corto, ben inserito nelle spalle e leggermente arcuato.

Di lunghezza sufficiente per permettere un portamento altero della testa al di sopra della linea dorsale.

Corpo

Dorso: corto, orizzontale e forte.

Regione lombare: potente.

Torace: largo e ben disceso, con costole ben cerchiate, ma non a botte.

Coda

inserita alta e portata nettamente sul dorso.

Arti anteriori

Spalle: muscolose e oblique.

Gomito: equidistante fra il garrese e il suolo.

Avambraccio: anteriori perfettamente diritti con buona ossatura.

Piedi anteriori: piccoli, rotondi, da gatto, che appoggiano proprio sulle dita.

Arti posteriori

Aspetto generale: visto di profilo il piede è in appiombo con l’articolazione dell’anca.

Coscia: ben sviluppata.

Ginocchio: poco angolato.

Gamba: ben sviluppata.

Metatarso: garretti ben discesi. Dal garretto in giù l’arto è diritto, non si flette mai in avanti.

Piedi posteriori: piccoli, rotondi, da gatto, l'appoggio è proprio sulle dita.

Andatura e movimento

Passo relativamente corto, la levata dei piedi posteriori non si spinge in alto, ma sembra che essi sfiorino il terreno, visto di profilo, il movimento sembra quello di un pendolo.

Il suo tipico movimento a passi corti gli permette di muoversi liberamente, mai goffamente, e con una eccellente resistenza.

Gli arti anteriori e posteriori si muovono in avanti su piani paralleli.

I cani devono essere sempre in grado di muoversi liberamente e agevolmente senza alcun segno di fatica.

Mantello

Pelo: il pelo può essere lungo o corto.

Pelo lungo: pelo abbondante, fitto, diritto ed eretto, ma non di eccessiva lunghezza.
Pelo di copertura ruvido, con sottopelo soffice e lanoso.
Il pelo è particolarmente fitto attorno al collo dove forma criniera o collare e sulla parte esterna e posteriore delle cosce forma "culottes".

Pelo corto: corto, fitto, diritto, eretto, non piatto, di tessitura felpata.

Qualsiasi accorciamento artificiale del pelo che alteri il naturale profilo o l'espressione sarà penalizzato, ad eccezione dei piedi che possono essere “regolati”.

Colore: mantello unicolore nero, rosso, blu, fulvo diluito (cannella), crema o bianco, spesso sfumato ma non macchiato o pluricolore (la parte inferiore della coda e delle cosce è spesso di colore più chiaro).

Taglia

Altezza al garrese
Maschi: da 48 a 56 cm (19-22 inches)
Femmine: da 46 a 51 cm ( 18-20 inches)

Difetti

Qualsiasi deviazione dai punti sopraindicati deve essere considerato come difetto e la severità con cui va penalizzato deve essere in proporzione alla sua gravità ed ai suoi effetti sulla salute e sul benessere del cane.

Difetti da squalifica

- cane aggressivo o eccessivamente timido
- qualsiasi cane che mostri chiaramente delle anomalie d’ordine fisico o comportamentale sarà squalificato.

PHOTOGALLERY