LE ORIGINI

Il Levriero Afgano (Afghan hound – Lévrier afghan) è una razza antichissima, forse una delle più antiche conosciute.

Il progenitore di questa razza giunse probabilmente dall’Asia centrale insieme agli indoeuropei, i quali formarono un regno, la Battriana, nelle regioni settentrionali dell’attuale Afghanistan.

Negli anni successivi, gli indoeuropei migrarono verso l’attuale regione iranica, infatti il loro levriero veniva anche chiamato “Tazi”, che significa “arabo”.

Cani molto rassomiglianti a questo sono stati ritratti in graffiti risalenti al 2000 a.C. e sono stati citati in un papiro egizio ancora più antico.

La leggenda vuole che perfino sull’arca di Noè vi fossero due esemplari di questa razza canina.

La razza è nata come cane da caccia, ma oggi è esclusivamente un cane da compagnia e da show.

Il Carattere

A causa del suo aspetto viene spesso visto come “altezzoso” o “snob”, in realtà è un animale intelligente, di grande sensibilità e capace di un affetto smodato verso il padrone.

Proprio in compagnia del padrone da il meglio di se, con allegria e slanci di affetto. Con i bambini si comporta in maniera egregia.

Diverso il discorso con gli estranei, dai quali si tiene a distanza.

Non è molto facile da educare e da addestrare, ma è possibile farlo orientandosi in particolare verso le corse.

L’intervista all’allevatore

il Levriero Afgano

Lo vedi come un cane delicato? ti stupirai invece di cosa è capace!

Lo standard di razza

ASPETTO GENERALE

Dà l’impressione di forza e dignità, combinando velocità e potenza. La testa ha un portamento fiero.

COMPORTAMENTO – CARATTERE

L’espressione da orientale è tipica della razza. L’Afgano “vi trapassa” con lo sguardo. Dignitoso e riservato, con una certa intensa aggressività.