LE ORIGINI

Il segugio svizzero ha origini antichissime.

La sua presenza ai tempi dell’Elvezia romana è attestata, su di un mosaico scoperto a Avenches, dalla rappresentazione di cani da muta corrispondenti alle nostre varietà di segugi svizzeri.

Nel XV° secolo, questo cane era ricercato dai cinofili italiani e, nel XVIII° secolo, dai francesi per la sua eccezionale abilità nella difficile caccia alla lepre.

Il suo allevamento autoctono è stato certamente influenzato da segugi di razza francese portati in Svizzera da mercenari.

Il Carattere

Sono cacciatori di selvaggina, utilizzati soprattutto per la caccia alla lepre.

Dotati tutti di un fiuto finissimo, hanno una grande sicurezza in caccia e non hanno problemi anche a cacciare in terreni impervi.

Affezionatissimi al padrone e ai familiari (molto affidabili con i bambini), non sono adatti alla vita in città, né al ruolo del cane da compagnia.

Cani rustici e molti robusti, devono effettuare molto moto quotidiano.

Lo standard di razza

ASPETTO GENERALE

Cane di media taglia; buona conformazione che indica vigore e resistenza, muso lungo e testa asciutta con lunghi orecchi che gli conferiscono un carattere di nobiltà.
Ci sono quattro varietà di Segugi Svizzeri.
1. Segugio bernese
2. Bruno del Giura (segugio del Giura)
3. Segugio lucernese
4. Segugio svizzero

PROPORZIONI IMPORTANTI

• Lunghezza del corpo: taglia = circa 1,15 : 1
• Taglia : altezza del torace = circa 2 : 1
• Lunghezza del muso : lunghezza del cranio = 1 : 1

COMPORTAMENTO – CARATTERE

Vivace e appassionato alla caccia, dolce, docile e molto affezionato al suo padrone.