LE ORIGINI

Il Segugio Maremmano è una razza originaria della Maremma, selezionata probabilmente a partire dalla fine del 1800, non tanto in base alle caratteristiche morfologiche quanto alla loro bravura soprattutto nell’abbaiare a fermo.

Molto indicati per la caccia al cinghiale, non demordono né in presenza di consistenti gruppi, né di cinghiali particolarmente aggressivi.

Si adatta bene anche nella caccia alla lepre e agli altri mammiferi.

Il Carattere

Il Segugio maremmano è dotato di grande passione per la caccia e forte temperamento, voce squillante e piacevole (italiana) ben differenziata nelle varie fasi della cacciata, sicuro e sbrigativo accostatore, ottimo, prudente e sicuro abbaiatore a fermo, inseguitore tenace. Caccia bene sia da solo che in muta.

Per queste caratteristiche ha bisogno di ampi spazi e di un proprietario che assecondi queste sue esigenza.

Lo standard di razza

ASPETTO GENERALE
Cane semplice, dall’aspetto gradevolmente rustico, dai movimenti rapidi, mesomorfo con tronco nel rettangolo, testa con cranio abbastanza largo; assi longitudinali superiori cranio–facciali leggermente
divergenti, orecchio attaccato alto, occhio espressivo e fiero, bulbo con iride scura ed espressione attenta ed intelligente.

 

COMPORTAMENTO, CARATTERE ED USO
Cane da seguita specializzato per la caccia al cinghiale.
Dotato di grande passione per la caccia e forte temperamento, voce squillante e piacevole (italiana) ben differenziata nelle varie fasi della cacciata, sicuro e sbrigativo accostatore, ottimo, prudente e sicuro abbaiatore a fermo, inseguitore tenace.
Caccia bene sia da solo che in muta.

 

IMPORTANTI PROPORZIONI
La lunghezza totale della testa è 4/10 dall’altezza del garrese
La lunghezza del muso è inferiore di circa 1/12 della lunghezza del cranio.
Tronco robusto, la cui lunghezza supera di 1/10 l’altezza del garrese

 

REGIONE CRANIALE – TESTA
La sua lunghezza totale è 4/10 dall’altezza del garrese, brachicefala, indice cefalico totale da 51 a 53 con linee superiori cranio–facciali leggermente divergenti, tollerate se parallele, sempre di buon cesello in ogni
sua parte, non deve presentare rughe e sempre con pelle ben aderente ai tessuti circostanti.
La lunghezza del muso è inferiore di circa 1/12 della lunghezza del cranio.

 

CRANIO
Asciutto ben cesellato, di forma lievemente convessa, ampio ai parietali con seni frontali ed arcate zigomatiche sviluppate, la sua lunghezza è superiore o raramente uguale alla larghezza, (indice cefalico totale da 51 a 53). Protuberanza occipitale poco marcata così come poco evidente è il solco frontale.
Depressione cranio–facciale poco marcata.

 

REGIONE FACCIALE – MUSO
La sua lunghezza è di poco inferiore alla lunghezza totale del cranio, canna nasale leggermente convessa o rettilinea.

 

TARTUFO
tartufo sulla stessa linea della canna nasale, con margine ampio e con narici ben aperte e grandi, sempre umido e fresco di colore nero o marrone.

 

LABBRA
labbra sottili, leggere.

 

MASCELLE
Robuste, di forma tronco conica, denti articolati a cesoia, ammessa la chiusura a tenaglia.

 

GUANCE
Asciutte.

 

DENTATURA
Composta di denti bianchi e regolarmente allineati, completi per sviluppo e numero, chiusura degli incisivi a forbice, tollerato a tenaglia.

 

OCCHI
In posizione semi–laterale di forma leggermente ovale con iride abbastanza scura, con espressione vivace, attenta, che dimostra intelligenza, palpebre ben aderenti al bulbo, rime palpebrali di pigmentazione nera.

 

ORECCHIE
Con attaccatura leggermente larga ed inseriti sopra la linea degli occhi, piatti e ben aderenti alle guance, di lunghezza, tale per cui se disteso copre l’occhio, di forma triangolare, appena arrotondati al margine
inferiore.

 

COLLO
A tronco di cono, ben uscente dal tronco, leggermente più corto della lunghezza totale della testa, asciutto, dotato di buona muscolatura, assolutamente privo di giogaia.

 

CORPO – TRONCO
Tronco robusto, la cui lunghezza supera di 1/10 l’altezza del garrese, senza perdere in armonia ed equilibrio.

 

GARRESE
Pochissimo elevato sulla linea del dorso a scapole ravvicinate, in armoniosa fusione con l’attacco del collo, linea superiore del tronco rettilinea.

 

TORACE
Ben sviluppate nelle tre dimensioni, con costole abbastanza cerchiate, la linea sternale risale moderatamente verso l’addome che non è mai retratto.

 

REGIONE RENALE
Robusto e muscoloso

 

GROPPA
Di giusta lunghezza e larghezza, inclinata dai 20 ai 25 gradi.

 

CODA
Può essere amputata a poco meno della metà della sua lunghezza.
Ben inserita al livello della linea della groppa.
Nei soggetti a coda lunga si presenta gradualmente affusolata verso la punta, mai frangiata, portata a lama di sciabola. Tollerati soggetti anuri.

 

ARTI ANTERIORI
Forniti di ottimi muscoli lunghi ed asciutti, spalla libera nei movimenti e ben orientata il cui angolo scapolo-omerale ideale è di 105°, gomiti ben aderenti al torace, avambraccio decisamente perpendicolare al
terreno e con regione carpiana giustamente flessa.
Piede di forma ovale, con dita ben compatte a suola coriacea, unghie forti preferibilmente nere.

 

ARTI POSTERIORI
Ben angolati e in perfetto appiombo con la regione tarsiana perpendicolare al terreno. Il piede è meno ovale dell’anteriore e con tutti i requisiti di questo. Coscia muscolosa.
E’ tollerato lo sperone.

 

ANDATURA
Sempre sciolta e vivace, vocato al galoppo; l’azione venatoria gli può imporre il passo ed il trotto.

 

PELLE
Di buona consistenza e ben aderente in tutte le parti del corpo.

 

MANTELLO
Il mantello si presenta nei colori: fulvo dal carico allo slavato, nero–focato e tigrato.
In tutti i colori può esserci la presenza di bianco.
La tessitura del pelo si presenta in due varietà: il pelo raso ed il pelo forte.

 

PELO RASO
Nel pelo raso la tessitura è vitrea, denso uniformemente distribuito su tutto il corpo, spesso può riscontrarsi sottopelo come pure alcuni peli ruvidi collocati sul muso e sugli arti da 1 a 1.5 cm.

 

PELO FORTE
Nella varietà a pelo forte la sua lunghezza va da 3 a 4 cm sempre uniformemente distribuito e ruvido al tatto.

 

TAGLIA E PESO
Altezza dal garrese nelle femmine da 46 a 52; nei maschi da 48 a 54 cm.
Sono tollerati 2 cm in meno o in più nei soggetti eccellenti.
Peso da 13 a 23 kg. (13 kg. peso minimo nelle femmine e 23 kg. peso massimo nei maschi).

 

DIFETTI
Ogni deviazione delle caratteristiche indicate nella descrizione delle varie regioni costituisce un difetto.

 

DIFETTI DA ELIMINAZIONE
Soggetti non in tipo.
Altezze e peso superiori od inferiori al previsto.
Assi cranio–facciali convergenti.
Occhio gazzuolo.
Prognatismo superiore o inferiore
Muso concavo.
Tutti i colori non previsti dallo standard.
Soggetti paurosi o aggressivi.