LE ORIGINI

Lo Shiba è una razza autoctona del Giappone fin dai tempi antichi; nella terra d’origine la parola “shiba” indica qualcosa di “piccolo”, un “piccolo cane”: nell’habitat dello Shiba, la zona montana prospiciente il Mar del Giappone, questo cane era utilizzato per la caccia a piccoli animali o uccelli.

E’ uno dei cani più antichi del Giappone, e per questo estremamente prezioso.

Per un periodo venne incrociato con Setter e Pointer così da modificarne i tratti votati alla caccia.

Lo standard fu finalmente unificato nel 1934.

Il Carattere

Nonostante sia un cane da caccia lo Shiba Inu è anche un cane estremamente allegro e socievole.

Tra le sue caratteristiche ha il profondo affetto verso il padrone e la famiglia ed una innata diffidenza verso gli altri, il che lo rende un buon cane da guardia.

Necessita di parecchio movimento (è pur sempre un cane da caccia) per cui è praticamente impossibile tenerlo chiuso.

Lo standard di razza

ASPETTO GENERALE

Cane di piccola taglia, ben proporzionato, con buona ossatura e muscoli ben sviluppati. Forte costituzione. Bel movimento veloce e sciolto

COMPORTAMENTO/CARATTERE

Fedele, acuto e molto sveglio

Testa - regione del cranio

Cranio: fronte ampia

Stop: ben definito con leggera sutura metopica

Testa - regione del muso

Tartufo: desiderabile color nero. Canna nasale diritta

Muso: moderatamente spesso e che si assottiglia

Labbra: aderenti

Mascelle/Denti: forti con chiusura a forbice

Guance: ben sviluppate

Occhi: relativamente piccoli, triangolari e marrone scuro; gli angoli esterni degli occhi sono orientati verso l’alto

Orecchi: relativamente piccoli, triangolari, leggermente inclinati in avanti e fermamente eretti.

Collo

spesso, forte e ben proporzionato alla testa e il corpo

Corpo

Dorso: diritto e forte

Rene: ampio e muscoloso

Torace: profondo, costole moderatamente cerchiate

Ventre: ben retratto

Coda

inserita alta, spessa, portata vigorosamente arrotolata o ricurva come una sciabola; la punta quasi arriva al garretto quando è lasciata cadere.

Arti anteriori

visti dal davanti, gli arti anteriori sono diritti
Spalla: moderatamente obliqua

Gomiti: aderenti

Arti posteriori

Coscia: lunga

Gamba: corta, ma ben sviluppata

Garretto: spesso e resistente

Piedi

dita serrate e ben arcuate.

Cuscinetti duri ed elastici.

Unghie dure e scure sono desiderate.

Andatura

leggera e vivace

Mantello - pelo

mantello esterno ruvido e diritto, sottopelo soffice e fitto; pelo della coda leggermente più lungo e sollevato

Mantello - colore

rosso, nero-focato, sesamo, sesamo-nero, sesamo-rosso

Definizione del colore sesamo:
- sesamo: uguale miscela di peli bianchi e neri
- sesamo nero: più peli neri che bianchi
- sesamo rosso: colore di base rosso, miscela con peli neri

Tutti i colori di cui sopra, devono avere l’ "URAJIRO"

"Urajiro" = pelo biancastro sui lati del muso e sulle guance, sul lato inferiore della mascella e collo, sul petto e stomaco e la parte inferiore della coda, e nella parte interna degli arti.

Taglia e peso

Altezza al garrese: Maschi 40 cm ; Femmine 37 cm

C’è una tolleranza di 1,5 cm in più o in meno

Difetti

Qualsiasi deviazione da quanto sopra deve essere considerato difetto e la severità con cui va penalizzato deve essere proporzionata alla sua gravità
- Maschio effeminato, femmina mascolina
- Enognatismo, prognatismo
- Mancanza di numerosi denti
- Timidezza

Difetti eliminatori

Orecchi non eretti

Coda pendente o corta

PHOTOGALLERY