LE ORIGINI

L’origine di questa razza è dubbia. Per alcuni potrebbe derivare dai cani da orso portati dai vichinghi in America, per altri invece dal mastino Tibetano che avrebbe attraversato lo stretto di Bering durante la glaciazione.

E’ verosimile che la razza che conosciamo derivi da una commistione dei due, evolutasi in seguito.

Indipendentemente dall’origine però quello che conta è l’impiego che se ne è fatto: caccia, guardia, pesca e traino.

Il nome, che deriva dall’isola di Terranova (Canada), dipende dal fatto che da queste isole sia partita la selezione, sfruttando dei cani che venivano utilizzati per la pesca (recupero delle reti) e per i salvataggio in mare.

Il Carattere

È un fantastico cane per famiglie cha hanno spazio e tempo da dedicargli. Il Terranova è dolce, affettuoso e straordinariamente buono con i bambini se cresciuto con loro. La sorveglianza è importante per assicurarsi che i bambini non approfittino della sua indole mite: è bene non lasciare che cerchino di salirgli in groppa, perché questo può danneggiargli la schiena.

E’ poco adatto alla vita d’appartamento necessita di molto spazio e di movimento. Il suo potenziale padrone dovrà avere una casa grande per ospitarlo. Soffre le alte temperature e il folto pelo (soprattutto se nero) lo rende soggetto ai colpi di calore.

Questa razza è adatta a chi vuole trattare il cane come membro della famiglia e può offrirgli il tempo e la compagnia di cui ha bisogno. Ama essere coinvolto nelle attività familiari ed è l’ideale per chi ha bambini piccoli e vuole un cane affidabile, per quanto fisicamente possente.

L’intervista all’allevatore

il terranova

Sei certo di conoscerlo? Che sai di lui a parte che è grosso e morbido? Noi non lo conoscevamo, e così abbiamo chiesto informazioni a chi lo alleva da anni!

Lo standard di razza

ASPETTO GENERALE

Il Terranova è un cane massiccio, dal corpo potente, ben muscoloso e ben coordinato nel movimento.

PROPORZIONI IMPORTANTI

La lunghezza del corpo, dalla punta della spalla alla punta della natica, è superiore alla distanza dal garrese al suolo (altezza al garrese). Il corpo è compatto. La femmina può essere leggermente più lunga e meno massiccia del maschio.

L’altezza del torace, dal garrese alla parte inferiore della cassa toracica, è leggermente superiore alla distanza fra la parte inferiore della cassa toracica e il suolo.

COMPORTAMENTO – CARATTERE

L’espressione del Terranova riflette bontà e dolcezza. Dignitoso, gioioso e intraprendente, è conosciuto per la sua docilità e la sua calma imperturbabile.

Testa

massiccia.

La testa della femmina ha la stessa conformazione generale di quella del maschio, ma è meno massiccia.

Testa - regione del cranio

Cranio: largo, leggermente bombato alla sommità: l’osso occipitale è molto sviluppato.

Stop: ben visibile ma mai molto marcato.

Testa - regione del muso

Tartufo: grande, ben pigmentato, dalle narici ben sviluppate. Di color nero nei cani neri e nei cani bianchi e neri. Di colore marrone nei cani marroni.

Muso: decisamente quadrato, alto e moderatamente corto, ricoperto d’un pelo corto e fine, senza rughe. La commessura labiale è evidente, ma non eccessivamente pronunciata.

Labbra: labbra superiori morbide.

Mascelle: chiusura a forbice o a tenaglia

Occhi: relativamente piccoli, ben infossati nelle orbite. Sono ben distanziati e non lasciano vedere la congiuntiva. Sono di colore marrone scuro nei neri e nei bianco e neri. Nei cani marroni si ammettono tonalità più chiare.

Orecchi: relativamente piccoli, triangolari, dalle estremità arrotondate. Sono attaccate ben indietro, sui lati della testa alla quale sono aderenti. Se si tira in avanti l’orecchio del cane adulto, l’orecchio arriva alla commessura interna dell’occhio situata dalla stessa parte.

Collo

forte, muscoloso, ben inserito nelle spalle, di lunghezza sufficiente per permettere un portamento dignitoso della testa.

Il collo non deve presentare un’eccessiva giogaia.

Corpo

lo scheletro è massiccio in tutte le sue parti. Visto di profilo, il tronco è alto e vigoroso.
Linea superiore: diritta; il dorso è fermo dal garrese alla groppa.

Dorso: largo.

Rene: forte e ben muscoloso

Groppa: larga, obliqua, in modo da formare un angolo di 30° circa

Torace: largo e ben disceso. Costole ben cerchiate e ben sviluppate

Linea inferiore: quasi orizzontale. L’addome non è mai retratto

Arti anteriori

sono diritti e restano paralleli al passo e al piccolo trotto

Spalle: molto muscolose e ben oblique.

Gomiti: aderenti al corpo

Metacarpi: leggermente inclinati.

Piedi anteriori: grandi, proporzionati al corpo, ben arrotondati, dalle dita chiuse e solide. I piedi sono palmati.

Arti posteriori

perché il cane possa trainare dei carichi, nuotare o ricoprire molto terreno efficacemente, (dato che la spinta dipende largamente dal posteriore), la conformazione del posteriore nel Terranova è di primaria importanza. Bisogna che il bacino sia forte, largo e lungo.

Coscia: larga e muscolosa

Ginocchio: ben angolato, ma non al punto di dare l’impressione che il cane si rannicchi sotto di sé.

Gambe: forti e abbastanza lunghe

Garretti: relativamente corti, ben discesi e ben separati, paralleli fra loro. Non sono né girati in dentro né in fuori.

Piedi posteriori: fermi e chiusi. Gli speroni, se presenti, andrebbero rimossi.

Coda

la coda fa da timone quando il Terranova nuota. Di conseguenza, la coda è forte e larga alla base. In stazione, la coda pende formando, eventualmente, una leggera curva all’estremità.

Arriva al garretto o lo sorpassa leggermente.

Quando il cane è in azione o eccitato, è portata diritta con una leggera curva verso l’alto.

Non è mai arrotolata sul dorso o ricurva in avanti fra le gambe.

Movimento

il Terranova muove con un buon allungo degli arti anteriori e una forte spinta dai posteriori, dando l’impressione di potenza senza sforzo.

Un leggero rollio del dorso è naturale. A mano a mano che la velocità aumenta, il cane ha la tendenza ad avvicinare gli arti ad un piano mediano ("pista unica"), mentre la linea superiore si mantiene orizzontale.

Mantello - pelo

doppio, impermeabile. Il pelo di copertura è di media lunghezza e diritto, senza riccioli. È ammessa una leggera ondulazione.
Il sottopelo è soffice e fitto, più fitto in inverno che in estate, ma sempre presente in una certa misura sulla groppa e il petto.

Sulla testa, il muso e gli orecchi, il pelo è corto e fine.

Gli arti anteriori e posteriori hanno frange.

La coda è completamente ricoperta di un pelo lungo e fitto ma senza formare bandiera (senza frange pendenti).

La toelettatura non è da incoraggiare.

Mantello - colore

nero, bianco e nero, marrone

Nero: il colore tradizionale è il nero. Il colore deve essere il più possibile uniforme, ma si ammette una leggera sfumatura bronzo. Macchie bianche sul petto, le dita e/o all’estremità della coda sono ammesse.

Bianco e nero: questa varietà ha un’importanza storica per la razza. Da ricercare le macchie seguenti: testa nera con, preferibilmente, una lista bianca che si estende sul muso, una gualdrappa nera con macchie ugualmente ripartite e una groppa nera e la parte superiore della coda di colore nero.
Le altre regioni devono essere bianche e possono portare un minimo di moschettatura.

Marrone: questo colore va dal cioccolato al bronzo. Le macchie bianche sul petto, le dita e/o all’estremità della coda sono ammesse.
I soggetti marroni e i soggetti bianchi e neri saranno presentati nella stessa classe dei neri.

Taglia

L’altezza al garrese media è:
Maschi adulti: 71 cm
Femmine adulte: 66 cm

Il peso medio per i maschi è di circa 68 kg e 54 per le femmine. Si ricerca la grande taglia, ma non a scapito dell’armonia delle forme, della qualità generale, e della potenza della costruzione, né del corretto movimento.

Difetti

qualsiasi deviazione da quanto sopra deve essere considerato come difetto che sarà penalizzato a seconda della sua gravità

Aspetto generale: cane alto sugli arti. Mancanza di sostanza. Aspetto linfatico

Costruzione: ossatura fine

Carattere: aggressivo, pauroso

Testa: stretta

Muso: appuntito o lungo

Labbro superiore: pronunciato

Occhi: rotondi, sporgenti, di colore giallo, congiuntiva nettamente visibile

Linea dorsale: dorso di carpa, molle o insellato

Coda: corta, lunga, annodata, con l’estremità arrotolata

Anteriore: regione del metacarpo troppo obliqua, piedi schiacciati, mancini o cagnoli, mancanza di membrana interdigitale.

Posteriore: ginocchia insufficientemente angolate, garretti vaccini o cagnoli (a botte), piedi rivolti in dentro

Andatura: passi corti, cane che trascina i piedi, che cammina come un granchio, che stringe, che ondeggia o incrocia l’anteriore, che gira in fuori gli anteriori o li gira nettamente in dentro, che steppa o ambia.

Pelo: pelo poco fitto. Assenza di sotto-pelo.

Difeti eliminatori

Cattivo carattere

Enognatismo, prognatismo, mandibola deviata

Pelo corto e piatto

Pezzatura di un colore che non sia il bianco su di un cane nero o marrone

Qualsiasi colore diverso dal nero, o bianco e nero, o marrone.

PHOTOGALLERY